Dolci senza zucchero: ecco i migliori dolcificanti naturali

Molto spesso quando pubblico le mie RICETTE SUGAR FREE, mi viene chiesto come faccio a sostituire lo zucchero nei dolci.

sugar free recipe

In realtà esistono tantissime alternative, ma solo alcune di queste sono più salutari e non tutti i tipi di dolcificanti naturali o artificiali si prestano per determinati tipi di preparazione.

Per questo motivo ho voluto realizzare per voi una piccolissima GUIDA PRATICA su come sostituire lo zucchero nei dolci, utilizzando però solamente quelle che secondo me sono le alternative MIGLIORI.

Diciamocelo, al giorno d’oggi è diventata più o meno una moda affermare (anche se non del tutto convinti) che lo zucchero bianco faccia male.

La vera domanda è: abbiamo veramente così bisogno dello zucchero? Beh sì. Sicuramente il glucosio è una sostanza di cui abbiamo bisogno, ma lo otteniamo “naturalmente” dal processo di trasformazione di proteine e grassi nel nostro corpo.

Una parte di essi viene trasformata in glucosio e perciò già attraverso la nostra normale alimentazione (e che per forza non deve essere costituita da dolci) contribuiamo a raggiungere il nostro fabbisogno giornaliero di glucosio.

Un’altra domanda molto importante è… quanto zucchero ingeriamo in una giornata?
Purtroppo, nemmeno lo sappiamo quantificare realmente! Perché se abbiamo un’idea chiara delle cose dolci che ingeriamo, siamo spesso all’oscuro dello zucchero aggiunto negli alimenti che assumiamo. Senza contare lo zucchero contenente nei carboidrati come pasta, pane, ecc.. che spesso ci dimentichiamo di considerare.

Organizzazioni mondiali riguardanti la salute dell’uomo suggeriscono una media di 5/9 cucchiai di zuccheri aggiunti nell’arco di una giornata, ma se pensiamo a quello che mangiamo capirete bene anche voi che questa soglia è facilmente superata!

Bastano 3 caffé zuccherati, 3 porzioni di frutta fresca, magari un gelato, senza contare lo sciroppo di glucosio o lo zucchero nascosto in prodotti confezionati, sughi, condimenti, succhi di frutta e se poi mangiamo una fetta di torta, che solitamente viene realizzata con non meno di 100 gr di zucchero, beh… è facile fare due conti e capire che siamo completamente fuori range!

In generale, il vero nemico del nostro corpo non è rappresentato dal glucosio, ma dal FRUTTOSIO, che assunto nelle quantità a cui l’industria moderna ci ha abituato, sovraccarica in modo esagerato il nostro fegato. Ma dov’è il fruttosio?

Il 50% dello zucchero da cucina è costituito da fruttosio, lo sciroppo di mais, quello d’agave, il miele, lo sciroppo d’acero e anche lo zucchero di cocco ne hanno una importante quantità. Ecco perché suggerisco generalmente di evitarli. Un eccesso di fruttosio può davvero comportare a delle patologie serie, oltre che ad alimentare quel senso di dipendenza allo zucchero che spesso lo fanno paragonare ad una vera e propria droga.

QUALI SONO I VERI DOLCIFICANTI CHE NON FANNO MALE ALLA SALUTE?

Generalmente io consiglio sempre la STEVIA e il MALTO DI RISO (o SCIROPPO DI RISO).
Entrambi sono naturalmente privi di fruttosio e per la loro caratteristica si prestano molto per la preparazione di dolci.

  • STEVIA: è una pianta e ha un potere dolcificante 300 volte più alto rispetto a quello dello zucchero. È diventato molto in voga negli ultimi anni e quindi disponibile in commercio praticamente in quasi tutti i supermercati. Lo si può trovare in granellini (come lo zucchero tradizionale), oppure come liquido trasparente. Molti mi hanno fatto notare che la stevia spesso ha un suo determinato sapore che rimane molto presente. Un trucco è quello di usare la stevia insieme ad un goccio di limone per neutralizzare questo suo retrogusto persistente. Inoltre, la stevia ha una leggera nota di vaniglia, perciò la trovo adatta in ricette che la richiederebbe in aggiunta.
  • MALTO DI RISO (O SCIROPPO DI RISO): invece è un dolcificante naturale ottenuto dalla fermentazione del riso cotto. Non ha un forte sapore dolcificante, ma se usato nelle giuste quantità fa il suo effetto. Oltretutto ha un sapore che per certi versi ricorda il caramello ed è piacevole anche spalmato su una semplice fetta di pane! Il malto di riso, come la stevia, NON contiene fruttosio e ha un effetto sul fegato simile al puro glucosio.
    Ultimamente è iniziato a circolare anche nei supermercati, mentre solitamente lo potete trovare al Naturasì, mentre io uso di solito quello prodotto dalla mia azienda “amica” Riso Melotti.
    Il malto in generale è spesso aggiunto nei lievitati per aiutare proprio la lievitazione, quindi ve lo consiglio nella preparazione di torte, ma anche di semplici dolci al cucchiaio.
  • ALTRI DOLCIFICANTI: che personalmente non ho mai usato, ma che si possono usare con moderazione sono lo xilitolo e il destrosio che è praticamente glucosio al 100%. Purtroppo però ce ne vuole davvero tantissimo per dolcificare e sinceramente, proprio per questo, non è proprio uno di quelli più indicati.

rice malt syrup

Il resto? Meglio evitarli. Ad esempio, sono sempre più in voga anche gli edulcoranti soprattutto per gli alimenti prodotti per i diabetici. Ma non avete mai letto sulle cicche che se ne mangiate troppi possono avere degli effetti lassativi?! Lasciamo stare!!!

Un altro stratagemma molto efficace, naturale, ma che vi consiglio di usare con moderazione (proprio per il discorso fruttosio) è quello di usare della purea di frutta. In questo caso aggiungete solamente pochissimo dolcificante extra, in quanto se usate ad esempio le banane, già otterrete qualcosa di veramente dolce.
Per evitare gli effetti negativi del fruttosio contenuto nella frutta, ricordatevi di mangiarlo sempre interamente ed evitare quindi succhi di frutta, soprattutto se non contengono la polpa! Ecco anche perché non sono proprio una grande amante degli estratti (salvo quelli verdi), insomma mangiate tutto che le fibre sono importanti!

Anche alcune spezie accentuano e donano una’impronta dolcificante. Pensate alla cannella, o al cardamomo. Se siete amanti di questi due sapore, aggiungeteli ai vostri dolci per richiamare subito al palato la sensazione avvolgente di qualcosa di dolce.

Riassumendo… quanto malto di riso o stevia devo utilizzare per sostituire lo zucchero normale? Ecco di seguito le principali indicazioni:

i migliori dolcificanti per sostituire lo zucchero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.