Bigné vegan al cioccolato e pasta chou vegana: la ricetta di Berenice Leconte in versione sugar free

Ho sempre avuto un debole per la pasticceria! Già da bambina mi cimentavo in esperimenti complessi che sottoponevo alla famiglia anche quando non li azzeccavo proprio al 100%. In questo non sono cambiata molto, a parte il fatto che ora si tratta di sperimentazioni vere e proprie in quanto raramente seguo ricette già fatte!

Una delle prime preparazioni complesse che ricordo di aver fatto ai tempi delle scuole superiori sono i bignè.

Ricordo di averli preparati più di una volta, ma che erano anche così complessi che mi richiedevano un intero pomeriggio di lavoro. Ci volevano un sacco di uova e tonnellate di burro, perciò ero consapevole che non fossero esattamente il dessert più salutare al mondo!

Da quando sono diventata vegana ovviamente non li ho più fatti e nemmeno mangiati e credo di non aver mai avuto l’occasione nemmeno di provarli da qualche pasticceria vegana. Eppure mi son chiesta. Ci sarà un modo! I bignè sono un dolce francese ottenuto farcendo la pate â chou, che è appunto la preparazione con le mille uova e il panetto di burro. È un impasto che si prepara sul fuoco per poi essere trasferito in una sac â poche per dar forma ad ogni bignè che verrà poi cotto in forno.

Sul web circolano diverse varianti, ma nessuna mi aveva convinto fino in fondo, così ho provato a fare una ricerca più approfondita in lingua francese. Quando si tratta di patisserie, i francesi sono i numeri uno e ho scoperto che il discorso vale anche per la patisserie vegan!

LA RICETTA DELLA PATE Â CHOU VEGAN DI BERENICE LECONTE

Oggi quindi, diversamente dal solito, invece di proporvi una mia ricetta, vorrei fare un BIG SHOUTOUT ad una delle chef patisserie vegane di maggior talento!

Si chiama Bérénice Leconte ed ha scritto diverse opere di pasticceria vegana in lingua francese pubblicate da una casa editrice chiamata La Plage e che propone diversi libri di cucina cruelty free. Di molti, oltre alla versione “Hardcopy” c’è anche disponibile l’E-Book e tra questi anche il libro della chef che che vi ho citato. Il libro si chiama “Mon petit chou vegan” e oltre alla ricetta base per la pate â chou completamente vegetale, propone anche 20 diverse varianti per poterla utilizzare.

La cosa fantastica è che su YouTube l’autrice ha pubblicato anche un video. nel quale spiega passo a passo come realizzarla! Ve lo lascio qui se vorrete provarla anche voi!

LA MIA ESPERIENZA, CONSIGLI E VARIANTI

La prima volta che l’ho sperimentata è stato un disastro. Ho provato la variante senza glutine, ma qualcosa non deve essere funzionato bene e quando ho messo i bignè nel forno si sono appiattiti e sciolti dopo pochi minuti. Il secondo tentativo è stato invece un successo, ma rispetto alla prima volta ho utilizzato della normale farina di farro bianca. Inutile dirvi che ho fatto anche delle piccole modifiche.

  • Non ho usato la margarina (come invece dice nella ricetta scritta nel libro) ma dell’olio di girasole, perciò se non siete amanti della prima, sappiate che con dell’olio di semi potete perfettamente ottenere lo stesso effetto desiderato.
  • Niente zucchero. Ho semplicemente aggiunto una “paletta” di stevia concentrata (oppure se preferite potete usare quella in granulato), perciò la presenza o meno di esso non incide sulla consistenza finale.

Ultima cosa da precisare: è molto importante, come vedrete nel video di Bérénice, che gli ultimi ingredienti che vanno a fare le veci dell’uovo, vengano aggiunti usando un robot da cucina o una planetaria che aiutino ad ottenere un composto ben omogeneo.
Sospetto che il mio primo fallimento derivi dal fatto di aver unito il tutto a mano e quindi senza amalgamare bene.

Altro punto fondamentale è il lievito che utilizzerete. Prediligete un lievito vegano bio naturale e privo di additivi chimici. Infatti, come spiegato anch’esso nel video, lievitazioni troppo violente provocheranno l’effetto che la vostra pasta si gonfi troppo in cottura e poi si afflosci subito dopo.

Insomma, se volete provarli anche voi, non vi serve che guardare il video e poi, consiglio. Io non ho acquistato la versione integrale del libro, ma nel mio caso, visualizzando l’anteprima del Book Store Apple, la ricetta appare tra le pagine gratuite disponibili. (In ogni caso sono 7 euro e rotti di libricino, un piccolo investimento che può valere davvero la pena).

RICAPITOLANDO: PER UNA VERSIONE ANCORA PIÙ LIGHT E SUGAR FREE

  • sostituisci la margarina con dell’olio vegetale (che è privo di grassi idrogenati a differenza della prima);
  • usa stevia o altro dolcificante naturale al posto dello zucchero (non influirà sul risultato finale).

IDEE PER LA FARCITURA: BIGNÈ AL CIOCCOLATO VEGAN E SENZA ZUCCHERO

crema al cioccolato vegan

Ingredienti:

200 ml crema di cocco Isola Bio
100 gr cioccolato fondente al 70%
1 cucchiaio di sciroppo di riso

Cacao amaro per decorare

Per preparare il ripieno:

– porta a bollore in un pentolino la crema di cocco, poi rimuovila dal fuoco e aggiungi lo sciroppo di riso e i quadretti di cioccolato spezzettati;

– mescola per alcuni istanti fino a quando il cioccolato non si sarà sciolto completamente, poi trasferisci in frigo per almeno 2 ore;

– vi consiglio di preparare la crema al cioccolato prima di procedere con i bignè. In questo modo, quando questi ultimi saranno pronti, anche la crema sarà disponibile per farcirli con la vostra sac â poche.

– lasciate riposare i bignè in frigo per almeno un’ora una volta che le avete farciti, poi spolverateli con del cacao amaro prima di servirli.

vegan bigné

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.